Convenzione tra Comune e Stu per i lavori a Santa Croce

convenzione

Convenzione tra Comune e Stu per i lavori a Santa Croce

I nuovi obiettivi prioritari oggetto di una integrazione della Convenzione tra Comune e Stu Reggiane. La delibera stasera in commissione consiliare. 

Con l’addendum si indicano alcuni interventi prioritari nel proseguimento del Programma di rigenerazione urbana dell’area Reggiane e del quartiere Santa Croce: riapertura di viale Ramazzini lato ovest (passaggio a livello), la riqualificazione dei capannoni di Santa Croce inseriti nel Progetto Riuso e i capannoni 15A/B/C delle Reggiane.

Con i Capannoni del gruppo 15, entrano nel PRU- Programma di Rigenerazione Urbana – complessivamente ulteriori 45.000 metri quadrati e la superficie complessiva del Parco Innovazione passa dagli attuali 103.000 a 148.000 metri quadrati, incrementando sensibilmente l’apporto alla qualità urbana dell’area e del quartiere.

Il documento, che sarà deliberato prossimamente dal Consiglio comunale, viene presentato stasera alla Commissione Affari generali e istituzionali-Amministrazione e Bilancio dall’assessore Daniele Marchi. Una volta approvato dal Consiglio, Stu Reggiane potrà entrare nel vivo della realizzazione, con l’indizione delle gare per i lavori.

“L’area Reggiane, con la creazione del Parco Innovazione, e il quartiere Santa Croce con la riapertura del viale Ramazzini e l’adeguamento di una decina di immobili dismessi per ospitare associazioni, organizzazioni ed attività educative, sociali, culturali e sportive – dice l’assessore a Bilancio e Sviluppo economico Marchi – potranno proseguire il loro cammino verso la rigenerazione e un nuovo futuro. L’integrazione della Convenzione e il conseguente previsto via libera alle gare d’appalto è oggi possibile dopo il dietrofront del governo, che nei mesi scorsi aveva cancellato i finanziamenti accordati ai vincitori del bando periferie e che, messo alle strette dai Comuni e dalle Regioni italiani, ha reso nuovamente disponibili. Per Reggio Emilia si tratta di 18 milioni di euro”.

R4_DIURNA