Firmato il primo rogito notarile.

capannone18-1050x1050

Firmato il primo rogito notarile.

2.800 mq del #C18 passano di proprietà da Stu Reggiane ad ASK.

Nella mattinata del 18 dicembre 2018, a Reggio Emilia è stato stipulato il primo rogito notarile per la compravendita di una porzione del riqualificato Capannone 18 delle Reggiane-Parco Innovazione. Firmatari Luca Torri, Amministratore delegato di Stu Reggiane,  e Ruggero Marchetti, delegato dalla società acquirente ASK Industries Spa.

Parco Innovazione, firmato il primo rogito

Da sx: il Notaio Gino Baja Guarneri, l’AD di Stu Reggiane Luca Torri, e Ruggero Marchetti di ASK

L’atto notarile perfeziona gli accordi preliminari e sancisce il passaggio di proprietà dei nuovi spazi rigenerati all’interno del Capannone 18, circa 2.800 mq di uffici e laboratori che a settembre scorso sono stati completati e consegnati ad ASK Industries, che ha trasferito qui la propria attività, insieme con un centinaio circa di dipendenti, lasciando definitivamente la sede di Montecavolo.

“La Società di Trasformazione Urbana Reggiane – sottolinea l’AD Luca Torri – prosegue sulla strada degli impegni assunti, consegnando gli spazi del Capannone 18 a un anno di distanza dalla posa della prima pietra e, subito dopo, sancendo con atto pubblico la conclusione degli accordi presi con ASK. Così prende forma e sostanza il Parco Innovazione e compiamo un passo significativo nella progressiva ricostruzione della nuova identità delle Reggiane. Dobbiamo sempre più guardare a questo luogo emblematico non come un capitolo del passato, bensì un presente vitale e proiettato verso il domani”.

“Con il perfezionamento del primo rogito e l’acquisizione degli spazi da parte di ASK, una realtà produttiva di dimensioni importanti che si insedia nel Parco Innovazione di Reggio Emilia – afferma Daniele Marchi, assessore allo Sviluppo economico – torna il lavoro alle Reggiane e con esso torna a pulsare uno dei cuori economici della città. È un impegno preciso assunto da questa Amministrazione che, con la scelta strategica del Parco Innovazione e attraverso la rigenerazione dell’area Reggiane e di Santa Croce, sta portando reali benefici in termini di nuovi spazi per lavoro, imprese, sviluppo economico innovativo, oltre che di maggiore sicurezza e qualità della vita nel quartiere e nella città”.

Prossimamente saranno perfezionati rogiti con le altre aziende pronte a insediarsi, a seguito degli accordi preliminari già definiti nel corso dell’avanzamento dei lavori di riqualificazione del Capannone 18.

Chi è ASK, azienda partner e nuovo residente delle Reggiane-Parco Innovazione

Azienda fondata nel 1965, entrata a far parte del Gruppo JVC Kenwood nel 2015, ASK si occupa di progettazione e produzione di altoparlanti, scatole per subwoofer, amplificatori, antenne e cavi per tutti i principali marchi automobilistici, da Fiat a Suzuki, da Ferrari a Porche. Ha una sede principale in Italia e 6 filiali in Germania, Cina, Brasile, Polonia, Tunisia, Stati Uniti, per un totale di circa 3.000 dipendenti e un fatturato annuo di 200 milioni di euro.
Il continuo aumento di abilità e know-how richiesto dai clienti ha portato a investire sui reparti di Ricerca e Sviluppo in tutto il mondo e alla decisione di trasferire nel 2018 la sede di Reggio Emilia alle Reggiane Parco Innovazione, quale location ideale per continuare a crescere: uno spazio modulare organizzato secondo necessità, vicinanza con laboratori di ricerca e, naturalmente, una posizione strategica, con stazione ferroviaria ad alta velocità, stazione autostradale, centro città, nel cuore della Motor Valley italiana.

Il progetto C18: memoria e innovazione

In continuità con il concept adottato nel Tecnopolo, la riqualificazione ha conservato la struttura storica, mediante il recupero e consolidamento delle mura perimetrali e delle strutture di ferro originali dell’inizio del Novecento. Il progetto dell’arch. Andrea Oliva, realizzato da Impresa Allodi di Parma, prevede un layout interno a moduli indipendenti, in modo da adattarsi alle diverse esigenze dei soggetti residenti.
Il nuovo Capannone 18 sorge in viale Ramazzini accanto al Tecnopolo e al Capannone 17 (che sarà integrato e connesso con la nuova struttura). Al suo interno ci sono spazi di alta qualità, realizzati con tecniche costruttive ad alta sostenibilità e dotati di tecnologie smart, disegnati su misura delle necessità delle imprese che già hanno aderito e scelto di collocarsi in un contesto di relazioni e connessioni in grado di favorire il trasferimento tecnologico e l’open innovation, attraverso la contaminazione tra saperi d’impresa e mondo della ricerca.

In anteprima alla stampa le foto degli interni QUI